top of page

PER FRANCA RAME E DARIO FO. L'XI Giornata del Teatro in Carcere




Con ITI-Unesco e 62a Giornata Mondiale del Teatro promossa dall'International Theatre Institute. Dal 27 marzo al 31 maggio 2024, celebrando anche la Giornata Internazionale della Danza (29 aprile).


Fhoto Credit: Fondazione Fo Rame. Archivio Rame Fo



Comunicato stampa-GIORNATA DEL TEATRO IN CARCERE
.pdf
Download PDF • 817KB

L’Undicesima Giornata Nazionale del Teatro in Carcere                 

in concomitanza con la 62a Giornata Mondiale del Teatro


dall’evento inaugurale in carcere a Pesaro al coinvolgimento di decine

di altri contesti per un programma di promozione del teatro e della danza lungo due mesi


Il Coordinamento Nazionale Teatro in Carcere, organismo costituito da oltre cinquanta esperienze teatrali diffuse su tutto il territorio nazionale ( http://www.teatrocarcere.it/ ) , con il Ministero della Giustizia (Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria e Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunità), presenta per l’XI Giornata Nazionale del Teatro in Carcere l’iniziativa “Due mesi per di Promozione del Teatro e della Danza in Carcere: dal 27 marzo (World Theatre Day) al 31 maggio 2024 (comprendendo il 29 aprile, International Dance Day)”. Evento in collaborazione con l’International Theatre Institute – ITI UNESCO e la sua sezione italiana, che partecipano alla condivisione ed alla promozione della manifestazione sin dalla prima edizione nel 2014.

L’iniziativa si inquadra in un più ampio e articolato programma di collaborazione previsto dal Protocollo di Intesa sottoscritto per la prima volta nel 2013 e rinnovato il 3 maggio 2022 dal Coordinamento Nazionale Teatro in Carcere, dal Ministero della Giustizia (Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria e Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunità) e dall’Università Roma Tre (http://www.teatrocarcere.it/?p=4380).Considerata l’importanza e il rilievo nazionale e internazionale dell’iniziativa, il Coordinamento Nazionale Teatro in Carcere in accordo con il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria e il Dipartimento della Giustizia Minorile e di Comunità, invita i vari contesti del circuito per la Giustizia minorile e di comunità e le Direzioni degli Istituti Penitenziari, le associazioni, compagnie teatrali, singoli operatori, enti e organismi che operano negli Istituti, a promuovere e ideare eventi, spettacoli, incontri, iniziative di confronto e dibattito “dentro e fuori” dagli Istituti. Per consentire la massima partecipazione si potranno promuovere manifestazioni, eventi ed iniziative fino al 31 maggio 2024.

La nostra iniziativa continua ad essere apprezzata come Buona Pratica internazionale” – afferma Vito Minoia, Presidente del Coordinamento italiano e Coordinatore dell’International Network Theatre in Prison – “Il 14 febbraio scorso ho avuto l’opportunità di relazionare sulle potenzialità artistico-culturali e socio-educative del Teatro in Carcere alla Conferenza Mondiale UNESCO su Cultura e Arti in Educazione su invito dell’Istituto Internazionale del Teatro (ITI Unesco).  L’ evento del 27 marzo, come tutti gli anni anima la comunità del teatro internazionale con un Messaggio di Pace, oggi ancor più necessario. ‘L’arte è Pace’ è infatti l’appello rivolto a tutti da Jon Fosse, drammaturgo norvegese Premio Nobel 2023 per la Letteratura, nel messaggio tradotto in questi giorni in oltre 50 lingue”.

E il 27 marzo, Giornata Mondiale del Teatro, rimane quindi il primo cuore pulsante dell’iniziativa. L’evento d’apertura si terrà a Pesaro, Città italiana della Cultura 2024, dove con l’incontro “Per Franca Rame e Dario Fo” prosegue la collaborazione tra il Teatro Universitario Aenigma e la Fondazione Fo Rame. Dopo la rappresentazione il 20 dicembre 2023 del monologo “Lo stupro” di Franca Rame (Produzione CETEC e Compagnia Teatrale Fo Rame, con il patrocinio di Fondazione Fo Rame) in chiusura della X Rassegna nazionale di teatro in carcere Destini Incrociati (nell’ambito del Progetto Speciale del Ministero della Cultura Sentieri Incrociati-Per un Senso di Umanità),  il 27 marzo 2024 l’attore Mario Pirovano presenterà alla popolazione detenuta del carcere di Pesaro (in particolare alle due compagnie teatrali operanti nell’istituto) una giullarata da “Mistero Buffo” di Dario Fo e Franca Rame, regia di Dario Fo.  Mattea Fo (Presidente della Fondazione Fo Rame) e Stefano Bertea (Responsabile dei Progetti della Fondazione) doneranno alla biblioteca dell’istituto una selezione delle pubblicazioni delle opere di Dario Fo e Franca Rame. Saluti di Annalisa Gasparro (Direttrice della Casa Circondariale di Pesaro) e di Daniele Vimini (Vicesindaco di Pesaro, Città italiana della Cultura 2024). Introduce e coordina l’incontro Vito Minoia, Presidente del Coordinamento Nazionale Teatro in Carcere.

Tra le altre iniziative di riferimento nella stessa Giornata si distingue l’evento programmato a Venezia dal Teatro Stabile del Veneto, dedicato al lavoro della Compagnia Balamòs Teatro delle carceri femminile e maschile della città. Dopo un incontro pubblico presieduto dal Presidetente del Teatro Stabile del Veneto Giampietro Beltotto, sarà presentato al pubblico lo spettacolo “Voci e suoni da un’avventura leggendaria”, regia di Michalis Traitsis. 

Di particolare importanza anche gli eventi promossi presso la Casa Circondariale di Marassi a Genova, dove al Teatro dell’Arca (unica struttura teatrale in Europa costruita all’interno dello spazio inframurario di un carcere) con gli spettacoli “Sette minuti” e “La parola ai giurati” di Sandro Baldacci, si ricorderà il regista autore dell’esperienza di Teatro Necessario, recentemente scomparso.

Quest’anno anche la Danza sarà ben rappresentata dagli eventi promossi a Brindisi, Lecce, Altamura, in attesa del 29 aprile, Giornata Internazionale della Danza. A Brindisi sarà la Compagnia AlphaZTL diretta da Vito Alfarano , esperienza premiata nel 2023 dalla Rivista Europea “Catarsi, Teatri delle Diversità” e dall’Associazione Nazionale dei Critici di Teatro a portare il 10 maggio 2024 al Teatro Verdi -su invito della città- lo spettacolo “Spettri”. Sarà invece lo spettacolo “Sacre Radici” della coreografa Giorgia Maddamma di Koreo Project ad andare in tournée a maggio nelle carceri pugliesi.

Ed altri eventi di tutto rilievo di Teatro e Danza saranno attivati  a Firenze, Roma Rebibbia, Spoleto, Ivrea, Torino, Carrara, Massa, Gorgona, Napoli, Benevento, Brindisi, Lecce, Altamura, Catania e decine di altre città italiane: in maggio a Macerata, Ancona, Pesaro, Fossombrone andrà in scena la seconda edizione del festival regionale di teatro in carcere grazie all’ufficio del Garante regionale dei diritti della persona. Si conta di eguagliare i numeri del 2019, anno prepandemico, quando è stato toccato il record di 103 eventi in 64 istituti penitenziari e 66 altri contesti di 16 regioni  (http://www.teatrocarcere.it/?p=3385).

Sarà a cura del Coordinamento Nazionale Teatro in Carcere anche per il 2024, redigere il programma/cartellone nazionale di tutte le iniziative realizzate, pubblicandole costantemente sul Sito www.teatrocarcere.it all’indirizzo http://www.teatrocarcere.it/?p=4777   e sulla pagina Facebook del Coordinamento Nazionale Teatro in Carcere.L’evento potrà essere pubblicizzato inoltre dai canali istituzionali del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria e del Dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità, da quelli dell’Istituto Internazionale del Teatro – Unesco.Le manifestazioni saranno seguite con attenzione dall’Associazione Nazionale dei Critici di Teatro e dalla Rivista Europea “Catarsi-Teatri delle diversità”, animatrice quest’ultima della nascita del Coordinamento tra le esperienze.

Ufficio stampa: Elena Orazi e.mail orazi.ufficiostampa@yahoo.com 

Le direzioni degli Istituti Penitenziari e i vari soggetti proponenti, sono invitati a comunicare il proprio programma di iniziative ed eventi all’indirizzo teatrocarcereitalia@libero.it e agli indirizzi di riferimento per il DAP (ufficio.stampa@giustizia.it) e per il DGMC (dgpram.dgmc@giustiziacert.it)

In allegato:

1)      Locandina evento inaugurale Giornata Nazionale del Teatro in Carcere

2)      Dario Fo e Franca Rame. Photo Credit Fondazione Fo Rame, Archivio Rame Fo.

3)      Compagnia AlphaZTL in Spettri. Photo Credit Franco Deriu.

4)      Messaggio per la 62a Giornata Mondiale del Teatro dello scrittore e drammaturgo norvegese Jon Fosse, Premio Nobel per la Letteratura 2023 

5)      Nota biografica di Jon Fosse

6)      Jon Fosse. Photo Credit Agnete Brun (Det Norske Samlaget)

 

La Giornata Nazionale del Teatro in Carcere in concomitanza con la Giornata Mondiale del Teatro è un’iniziativa del Coordinamento Nazionale Teatro in Carcere (capofila Teatro Universitario Aenigma) realizzata grazie al Protocollo d’Intesa tra Ministero della Giustizia (Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria e Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunità), Università Roma Tre.

 

Con il Patrocinio di

International Theatre Institute (ITI Unesco)

ITI Italia

International Network Theatre in Prison

Associazione Nazionale dei Critici di Teatro

Rivista Europea “Catarsi, Teatri delle diversità”

 

All’evento inaugurale di Pesaro hanno collaborato anche:

Casa Circondariale di Pesaro

Citta di Pesaro, Capitale italiana della Cultura 2024

Fondazione Fo Rame

Compagnia teatrale Fo Rame

Associazione Culturale Cittadina Universitaria Aenigma APS














MESSAGGIO INTERNAZIONALE DI JON FOSSE (Premio Nobel per la Letteratura 2023) per il World Theatre Day 2024

Giornata Mondiale Teatro 2024_ITI_Messaggio di Jon Fosse_ITA
.pdf
Download PDF • 198KB

Nota biografica Jon Fosse

GMT2024_ITI_Jon Fosse_Bio_ITA
.pdf
Download PDF • 216KB


A cura del Centro italiano dell' International Theatre Unesco del quale il Teatro Aenigma fa parte



Comments


Attività Istituzionali
Stage Spettacoli Incontri
Ricerca per Tag
Seguici anche su
  • Facebook Basic Black
  • Twitter Basic Black
bottom of page